we dance to all the wrong songs

copiate, è per il nostro bene!

Posted: 1 Settembre, 2008 | Author: | Filed under: news | Commenti disabilitati su copiate, è per il nostro bene!
copiamo, visto che è per il nostro bene, una notizia interessante comparsa qualche giorno fa come al solito su PI. la segnalazione però ci viene dalla grandissima Radio Copydown (ah, cosa importante, l’articolo è di Gaia Bottà)… in ogni caso beccatevi la storiella edificante:

La pirateria ci fa sopravvivere: questo il messaggio lanciato da Steve Knightley, membro del duo folk Show Of Hands. Se la musica non fosse un fenomeno collettivo , se i brani che compone e canta non passassero di mano in mano, Show Of Hands non potrebbe contare sul pubblico che partecipa ai suoi concerti, non potrebbe trarre guadagno dalla vendita degli album.

Quando Knightley si apposta al banchetto dietro al quale vende CD al termine delle esibizioni, non rinuncia a chiedere al pubblico come abbia conosciuto la musica del duo. Sono molte le persone che, sguardo a terra, confessano come il primo contatto con la musica di Show Of Hands sia avvenuto per mezzo di un CD masterizzato un amico. Il senso di colpevolezza fa avvampare l’acquirente al cospetto di Knightley, ma l’artista accoglie l’ammissione con un sorriso e un ringraziamento.

“Consideriamo la questione più da vicino – spiega Knightley a TorrentFreak – una persona che apprezza la nostra musica ha gentilmente fatto una copia del nostro CD e l’ha diffusa per spargere la voce riguardo a noi”. “Colui che l’ha ricevuta – ricostruisce la dinamica Knightley – ha acquistato un biglietto per vederci e ha acquistato un CD al concerto”. La stessa dinamica si innesca grazie agli appassionati che registrano le esibizioni, che confezionano bootleg video dei concerti e li diffondono dentro e fuori dalla rete: “Credo che il termine ufficiale sia viral marketing”, la pirateria, spiega Knightley, è passaparola, e il passaparola è l’unico modo di sopravvivere per gli artisti che devono ancora costruirsi un pubblico.

Sono numerosi gli artisti, celebri presso il grande pubblico o apprezzati dalle nicchie, che fanno leva sulla socializzazione della musica, che hanno intuito come cavalcare queste dinamiche consegnando le proprie opere al pubblico. Incoraggiano i fan a copiarla e disseminarla, li investono del compito di innescare il passaparola, regalano la musica ma non rinunciano a fare della propria carriera un business fruttuoso. Il tutto senza necessariamente contare sull’appoggio delle case discografiche, aggrappate ad un modello di business basato sul consumo individualista di musica nato con l’avvento del disco, scalfito dalla riproducibilità delle cassette, innaturale e improduttivo in rete, dove la musica può recuperare la propria vocazione collettiva.

Era questa impronta collettiva condita da un tocco vintage ad animare Muxtape, il servizio che ospitava le playlist caricate dai netizen per essere condivise in un mangianastri globale. Numerosi artisti si sono avvalsi di Muxtape per diffondere la propria musica affidandola ad una cassetta di pixel, un veicolo promozionale valorizzato con lo sviluppo di Muxtape For Bands. Nei giorni scorsi, però, è stata annunciata la temporanea sospensione del servizio “in attesa di risolvere un problema con RIAA”. Muxtape ha rassicurato le band che hanno scelto di condividere i propri brani attraverso la versione beta del servizio loro dedicato: non sono state investite dalla sospensione, non c’è dubbio che, a differenza di quanto avviene per gli utenti ordinari, detengano il diritto di fare della propria musica ciò che vogliono.

Mentre i netizen si sono affaccendati per individuare le alternative ad un Muxtape sospeso fino a nuovo ordine, un servizio su tutti sembra aver guadagnato l’attenzione della rete: si tratta di Opentape, il corrispettivo di Muxtape open source e decentrato che consente agli utenti di ospitare playlist ciascuno sul proprio server. C’è chi mormora che Opentape costituisca la reincarnazione vendicativa di Muxtape, c’è chi suggerisce come un servizio a tal punto frammentato possa scoraggiare la crociata dell’industria della musica contro lo streaming di playlist. Ci sono osservatori che prevedono che Opentape sia destinato ad affrontare le stesse controversie che hanno costretto Muxtape alla sospensione del servizio: gli utenti rischiano di scontrarsi con le rivendicazioni dell’industria, ma i musicisti indipendenti potrebbero legittimamente trasformare Opentape in un servizio promozionale da mettere a frutto.


Comments are closed.