we dance to all the wrong songs

UNA NUOVA LEGGE CONTRO LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI CONTENUTI… A CHI CONVIENE?

Posted: marzo 19th, 2009 | Author: | Filed under: news | Commenti disabilitati su UNA NUOVA LEGGE CONTRO LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI CONTENUTI… A CHI CONVIENE?

Tra circa un mese, così come annunciato orgogliosamente dal Comitato Anti-Pirateria del governo Berlusconi, sarà pronta una proposta di legge contro il p2p e la libera circolazione dei contenuti su internet. Già da ora però non è difficile immaginare chi ne farà le spese: la stragrande maggioranza degli utenti del web, e tutti quelli che utilizzano la rete per accedere liberamente a quei contenuti che il mercato editoriale, discografico e cinematografico ha trasformato in privilegi, a disposizione solo di chi può ancora spendere nei megastore della grande distribuzione.

Questa nuova offensiva nei confronti dell’accesso alle conoscenze è innanzitutto l’ennesima puntata di una battaglia interna al grande capitale, tra soggetti economici in competizione tra loro. Soggetti che, già da qualche anno, utilizzano gli autori, gli artisti, gli appassionati e i semplici utenti come carne da macello per alimentare, di volta in volta, l’uno o l’altro modello di business.

Read the rest of this entry »


Il fascismo si combatte anche con l’arte e la cultura!

Posted: febbraio 18th, 2009 | Author: | Filed under: news | Commenti disabilitati su Il fascismo si combatte anche con l’arte e la cultura!

Mentre le aggressioni razziste e gli attacchi squadristi contro militanti di sinistra e chiunque sia additato come
“diverso” (che sia omosessuale o che abbia i rasta, poco importa) sono ormai all’ordine del giorno [http://isole.ecn.org/antifa/]
c’è chi pensa che farsi ospitare dagli autori di queste barbarie per fare con loro
una bella chiacchierata sulla letteratura sia un bell’ “esercizio di libertà”, riattivando un ragionamento su cosa
vuol dire “essere liberi” degno dell’ultimo dei deputati berlusconiani.

Che poi il protagonista di questa squallida
vicenda sia l’editore di Stampa Alternativa, questo ci fa solo capire come, con i tempi che corrono, non bisogna
dare mai nulla per scontato e tenere sempre ben alta la guardia nei confronti di chi, con la scusa di volersi
sentire “libero da ideologie” e da “partiti e schieramenti” non fa altro che legittimare e supportare le ideologie
e gli schieramenti politici dei neo(?)-fascisti.

Per fortuna c’è chi, in tal contesto, si è mobilitato ed ha raccolto un pò di adesioni per contrastare questa scelta [http://stampalternativa.noblogs.org/] fatta da un soggetto che, a dire il vero, aveva perso ogni credibilità già un pò di tempo
fa… il collettivo Get up Kids!, da parte sua, non può che supportare l’iniziativa!

Continueremo a batterci contro ogni tentativo fascista di utilizzare la “copertura” della cultura e quella
dell’arte per far passare “innocentemente” nella società le loro idee razziste, sessiste, omofobe e corporativiste.

“La lotta continua, va avanti, si evolve
e dopo tanti anni di infamie e di vergogne
sarete ricacciati per sempre nelle fogne”

Rigurgito antifascista, 99 posse


Ma quale vittoria del p2p?

Posted: gennaio 27th, 2009 | Author: | Filed under: news | 2 Comments »

Pochi giorni fa, su Repubblica, è stato pubblicato un articolo riguardo alla “svolta” delle major in favore del
file sharing musicale, dopo anni ed anni di battaglie ed intimidazioni nei confronti di chi ha condiviso musica
sulle reti p2p.
Chissà, forse semplicemente (come lascia intendere l’articolo) lo sviluppo e la diffusione delle nuove tecnologie
hanno convinto anche gli impresari, i dirigenti e i manager più ottusi dell’impossibilità di arginare la
circolazione della musica. Uhm…possibile che sia tutto qui? Ci staremo quindi davvero avviando verso il LIBERO
accesso ai contenuti?
O forse, invece, non è che dovremmo prendere seriamente in esame alcune considerazioni di C.Formenti in
“Cybersoviet. Utopie post-democratiche e nuovi media”?:

“La convinzione che nessuna legge può disciplinare i comportamenti del popolo della rete presuppone l’idea secondo
cui una legge sarebbe efficace solo nel caso in cui ottenga l’obbedienza generalizzata e assoluta dei soggetti a
cui si applica. Ma le cose non stanno affatto così: il vero obiettivo di ogni legge, come notano giustamente
Goldsmith e Wu, è alzare i rischi associati ad una determinata attività per limitarne la diffusione a livelli
accettabili: il che significa che il persistere di percentuali statisticamente irrilevanti di certi comportamenti
illegali può essere pienamente compatibile con la finalità della legge che li sanziona. Read the rest of this entry »


Obama muove i primi passi nella politica del web. A braccetto con l’industria culturale.

Posted: gennaio 9th, 2009 | Author: | Filed under: news | Commenti disabilitati su Obama muove i primi passi nella politica del web. A braccetto con l’industria culturale.

che per caso c’era qualcuno che aveva abboccato alle promesse elettorali di Obama (per altro, quanto mai ambigue e fumose) in materia di accesso alle nuove tecnologie e libertà del web? che c’è ancora qualcuno che crede che i democratici americani siano un’alternativa politica ai repubblicani? comunque la si pensi questi sono i primi fatti concreti della nuova amministrazione che di “nuovo” non sembra dimostrare proprio nulla:

Obama nomina due mastini delle major

di Alfonso Maruccia
giovedì 08 gennaio 2009

Roma – Nei suoi discorsi Creative Commons alla nazione americana e a tutti i netizen, Barack Obama ha sin qui parlato di cambiamento, bene comune e necessità di riequilibrare gli interessi tra i cittadini e le grandi lobby. La speranza di una profonda riforma deve ora fare i conti con la realtà delle nomine istituzionali, che nel caso del Dipartimento di Giustizia vedono salire ai più alti livelli del potere federale due personaggi ritenuti controversi da molti cittadini della rete.

Obama vuole come deputy attorney general (in pratica il vice-guardasigilli) e associate attorney general del DOJ, rispettivamente la seconda e terza carica del Dipartimento, David Ogden e Tom Perrelli. Sono nomi che da soli non dicono forse granché, ma a scavare nella loro carriera professionale si scopre che i due provengono da quell’ambiente legale che negli States ha deciso di sposare le ragioni dell’industria multimediale, e di RIAA in particolare.

Read the rest of this entry »


diffida di creative commons…

Posted: gennaio 7th, 2009 | Author: | Filed under: news | Commenti disabilitati su diffida di creative commons…

La notizia, di qualche giorno fa, e che c’eravamo dimenticati di postare, si commenta da sé. quando troveremo un po’ di tempo vi mostreremo i risultati di una piccola ricerchina: l’amico Joi Ito ha partecipazioni in svariate imprese, elabora software per la marina militare americana e non se la passa poi tanto male… franchement, il faut se méfier!

Creative commons e Siae
Copyright al tempo del web

A Milano il dibattito tra Joi Ito, numero uno del movimento per la riforma del diritto d’autore (“Così com’è garantisce solo le grandi realtà”), e Giorgio Assumma, presidente Siae (“Attenti, internet non è gratis”)
di RICCARDO BAGNATO

MILANO – Immaginatevi un dialogo fra lo scrittore filosofo Luciano De Crescenzo e Jerry Yang, il fondatore di Yahoo! Improbabile dite? Sarà. Eppure quello andato in scena stamane a Milano fra Joi Ito, numero uno del movimento Creative Commons per la riforma del diritto d’autore, e Giorgio Assumma, presidente Siae, Società italiana autori e editori, ci assomigliava non poco. Due universi paralleli a confronto, sempre sull’orlo di incontrarsi e andare d’accordo, per poi allontanarsi improvvisante marcando di volta in volte le differenze che li separano.

Read the rest of this entry »


martedì 4: libreremo all’orientale occupata

Posted: novembre 4th, 2008 | Author: | Filed under: iniziative | Commenti disabilitati su martedì 4: libreremo all’orientale occupata


disoccupata 1 majors 0

Posted: novembre 1st, 2008 | Author: | Filed under: news | Commenti disabilitati su disoccupata 1 majors 0

da Repubblica di qualche giorno fa:

Tutto da rifare per le case discografiche: Jammie Thomas,
era stata sanzionata di 222mila dollari per violazione copyright
P2p, disoccupata batte le major
Un giudice del Minnesota dà ragione alla donna
“Bisogna dimostrare che lo scambio sia avvenuto”

di ALESSANDRO LONGO

I discografici americani hanno perso la causa più importante per la lotta al peer to peer e adesso per loro è tutto da rifare: Jammie Thomas, 30enne disoccupata che era stata condannata a pagare 222 mila dollari per violazione del copyright, non dovrà più farlo. L’ha deciso Michael Davis, giudice distrettuale del Minnesota, dov’è stato dibattuto il caso.

Alla base della sentenza, un motivo che fa crollare il castello costruito finora per la lotta al peer to peer pirata: “Rendere disponibile” (“making available”) un file su rete peer to peer – sostiene il giudice- non significa che quel file sia stato in effetti scaricato da altri e che quindi sia stato distribuito. È un reato distribuire il file protetto da copyright, non il semplice metterlo in condivisione (l’intenzione di reato non è perseguibile).

Tutto quanto significa che ora Riaa (l’Associazione discografici americani, che aveva denunciato la donna) avrà l’onere della prova: dovrà dimostrare che lo scambio di un file protetto da copyright è in effetti avvenuto. Non basta provare che l’utente l’ha condiviso su reti peer to peer.

Read the rest of this entry »


antifascisti sempre: serata di autofinanziamento!

Posted: ottobre 7th, 2008 | Author: | Filed under: news | Commenti disabilitati su antifascisti sempre: serata di autofinanziamento!


Brevettare è un crimine contro l’innovazione

Posted: settembre 29th, 2008 | Author: | Filed under: news | Commenti disabilitati su Brevettare è un crimine contro l’innovazione
riprendiamo ancora una volta un’articolo dell’ormai irrefrenabile (e per fortuna!) gaia bottà, uscito sul solito Punto Informatico di venerdì 26 settembre 2008… a voi le conclusioni, abbastanza evidenti…

Brevettare è un crimine contro l’innovazione.
A denunciarlo è StopSoftwarePatents, che ha celebrato la giornata mondiale contro i brevetti software e ha lanciato una petizione.
Dicono la loro anche i revisori dell’EPO: ci spingono a brevettare di tutto e di più

Roma – I brevetti software non devono attecchire in Europa, devono essere sbaragliati nel resto del mondo: brevettare le idee non alimenta il sapere, ma rimpingua semplicemente le tasche dei patent troll. E quelle delle istituzioni presso le quali i brevetti vengono depositati. Sono denunce e rivendicazioni scaturite da StopSoftwarePatent, una coalizione che raccoglie 80 softwarehouse e frotte di sviluppatori: si rivolgono alle istituzioni di tutto il mondo perché chiariscano le normative e perché smettano di arginare l’innovazione concedendo brevetti sulla conoscenza. Il 24 settembre, anniversario del giorno in cui l’Unione Europea ha sancito la brevettabilità di “prodotti specifici” e non di stringhe di codice, è stata la giornata mondiale contro i brevetti software: sperano al più presto di non dover celebrare la ricorrenza, sperano che la petizione che hanno indetto sensibilizzi le autorità.

Read the rest of this entry »


nuove strategie delle case discografiche

Posted: settembre 19th, 2008 | Author: | Filed under: news | Commenti disabilitati su nuove strategie delle case discografiche

pubblichiamo qui un articolo uscite su Repubblica di un paio di giorni fa.
peraltro si vede che è di Repubblica, perché noi avremmo detto le cose in un altro modo… come infatti il caso-metallica recentemente dimostra, perfino i più contrari alle nuove tecnologie stanno comprendendo che sulla rete si sono aperti nuovi spazi di profitto. imperativo dunque è farla finita con lo scambio gratuito. reprimendo chi diffonde gratuitamente mp3, creando canali di download a pagamento, sfruttando al massimo le nuove reti sociali, riempendole di pubblicità, reperendo dati degli utenti per cecrare di tarare sempre meglio l’offerta…
a chi, anche in ambiti non sospetti, non trova poi troppo malvagi questi sistemi, noi possiamo solo dire: è davvero questo che vogliamo? le potenzialità di scambio e comunicazione non sono forse avvilite e in fondo profondamente impedite con questi sistemi? il canale che ti mette in dialogo non altera e struttura diversamente i contenuti che vuoi portare? be’, segue articolo…

A fine settembre online il nuovo sito voluto da Murdoch e dalle major
tutta la musica sarà disponibile da ascoltare gratis grazie alla pubblicità

Su MySpace migliaia di canzoni
Il juke-box più grande del mondo

di ERNESTO ASSANTE

ROMA – Ascoltare la musica che vogliamo, quando vogliamo, gratuitamente. Avere a disposizione il jukebox più grande del mondo, con diversi milioni di canzoni tra le quali scegliere. Un sogno che sta per diventare realtà. Tra qualche settimana vedrà la luce MySpace Music, una joint venture che vede insieme la News Corp. di Rupert Murdoch e tre delle quattro grandi major musicali, la Warner, la SonyBmg e la Universal, che ha l’obbiettivo di diventare il principale sito musicale del mondo, un incredibile “jukebox stellare” nel quale entrare via Internet per poter ascoltare musica a richiesta (in “streaming”) e creare playlist senza dover pagare, come quando ascoltiamo la radio. Ma anche per scaricare musica, sia gratuitamente con il supporto di sponsor, sia a pagamento con una partnership con Amazon.

Read the rest of this entry »